Notizie L’Istituto Tecnico Tecnologico di Villa d’Agri vince il Leone d’Argento per la Creatività 2020 – 2021 della Biennale di Venezia

A tu per tu” con la docente Antonella Marinelli.

Si è svolta nei giorni scorsi la cerimonia di ufficializzazione del famoso premio “Leone d’Argento per la Creatività 2020 – 2021 della Biennale di Venezia”, assegnato all’Istituto Tecnico Tecnologico di Villa d’Agri, nell’ambito del concorso nazionale categoria Scuole per il progetto “Creativelabmed- Piccola Accademia della Creatività del Mediterraneo”, curato dall’associazione Accademia del Mediterraneo, fondata dalla docente Antonella Marinelli, dal visual Artist – direttore artistico, Silvio Giordano e dal professore Gennaro Curcio.

Professoressa Marinelli, qual è stato il percorso progettuale per raggiungere questo importante riconoscimento?

In realtà è stato tutto spontaneo e per certi versi, anche fortuito, del resto a scuola è quello che accade, nella più assoluta spontaneità i ragazzi permettono di raggiungere tali traguardi inaspettatamente. Il progetto rientra nell’ambito di una collaborazione molto importante tra l’Accademia del Mediterraneo con l’Istituto Tecnico Tecnologico di Villa d’Agri e la Cattedra Internazionale “Jacques Maritain” che promuove la cultura e la pace nel mondo. Da questa collaborazione è nato un progetto che prende il nome di Piccola Accademia della Creatività del Mediterraneo, che attraverso 3 focus che sono quelli della formazione, alta formazione, arti e politiche sociali, tende alla valorizzazione artistica, culturale e paesaggistica dei territori, tramite il canale dell’integrazione, tanto è vero che sono stati coinvolti in questa attività, non solo i nostri studenti, quindi parliamo di ragazzi che vivono la provincia lucana, ma anche i minori non accompagnati, presenti sul territorio della Val d’Agri che fanno parte delle diverse associazioni e fondazioni. Ragazzi che si ritrovano poi in attività creative e laboratoriali extra scolastiche, quindi solitamente di pomeriggio, a contatto con ragazzi proveniente da ogni dove: egiziani, somali, bengalesi, pakistani, con esiti inaspettati e incredibili.

Qual è stato l’obiettivo prioritario del progetto?

Noi siamo stati anticipatori dei Patti educativi di comunità, quindi i coinvolgimenti sono importanti: le istituzioni, ma soprattutto le associazioni di volontariato, le associazioni del terzo settore, tutti quanti concentrati per un’unica finalità: quella di fare in modo che i ragazzi possono, attraverso il coinvolgimento di esperti e professionisti che li guidano, sondare alcuni terreni che sono in questo caso quelli artistici, che vanno a pungolare anche delle indoli che permettono lo sviluppo e la scoperta di talenti, che altrimenti rimarrebbero inesplorati in Istituti come il nostro. E quindi, i laboratori sono di arti visuali, di scrittura creativa, di musica. Inoltre, un’importanza non indifferente è quella che abbiamo riservata all’educazione del linguaggio cinematografico. La straordinarietà di quello che è accaduto con questo importante riconoscimento, sostanzialmente va verso un unico obiettivo che è il tentativo di costruire a partire dalla scuola, i pilastri per una geografia sociale, l’idea di un nuovo umanesimo. Noi siamo fermamente convinti che è solo partendo dalla scuola che si possa ricostruire veramente un “umano” che mette al centro la persona e con i ragazzi si fa presto, perché si tratta di coltivare una fioritura perché loro possano sviluppare tutto il potenziale di vita.

Dopo questa vittoria, quali sono i progetti futuri?

Noi siamo già operativi. Intanto oggi godiamo dell’enfasi di questo riconoscimento che ha un entusiasmo non indifferente nei nostri ragazzi. Comunque, in questo istante noi stiamo già realizzando dei giardini di comunità, che è un’attività di land art e i giardini di comunità prevedono il coinvolgimento di un’intera comunità scolastica, quindi dai collaboratori scolastici, ai docenti e agli alunni, ma sono coinvolti anche le famiglie e i genitori dei ragazzi. Ci ritroviamo tutti insieme a realizzare giardini di comunità, spazi fruibili che possono essere utilizzati da tutti, ovviamente, lo facciamo sempre in maniera trasversale, coinvolgendo anche i minori stranieri.

 

 

https://www.cuorebasilicata.it/wp-content/uploads/2018/11/loghi-fondo-cuorebasilicata.png
Iscriviti alla Newsletter

Per rimanere informato sulle iniziative di CuoreBasilicata iscriviti alla newsletter

Patrocinio Comune di Calvello

Stemma comune di Calvello

Patrocinio Città di Marsico Nuovo

https://www.cuorebasilicata.it/wp-content/uploads/2021/07/stemma-comune-marsico-nuovo2.png

Patrocinio Comune di Marsicovetere

Stemma comune di Marsicovetere

Patrocinio Comune di Moliterno

Stemma comune di Moliterno

Patrocinio Comune di Montemurro

Stemma comune di Montemurro

Patrocinio Comune di Paterno

Stemma comune di Paterno

Patrocinio Comune di Spinoso

Stemma comune di Spinoso

Patrocinio Comune di Tramutola

Stemma comune di Tramutola

Seguici sui Social Networks

Seguici sui Social Networks

Close

L'Istituto Tecnico Tecnologico di Villa d’Agri vince il Leone d’Argento per la Creatività 2020 - 2021 della Biennale di Venezia

[contact-form-7 404 "Non trovato"]
[contact-form-7 404 "Non trovato"]

X